Incontri di spiritualità per persone che vivono la vedovanza

Anno pastorale 2022-2023

Attraverso l’Ufficio di pastorale della famiglia, la Chiesa di Padova propone lungo l’anno alcuni incontri di spiritualità e condivisione del vissuto per persone che desiderano rivisitare la propria esperienza di vedovanza alla luce della Parola di Dio e della Sapienza della Chiesa. È un modo concreto per aiutare “quanti hanno perso una persona cara a riscoprire che hanno ancora una missione da compiere”, come sottolineato anche da papa Francesco nell’Esortazione “Amoris laetitia” (255).

Al fine di favorire il coinvolgimento nel Sinodo diocesano e la partecipazione ai Gruppi di discernimento sinodale nelle proprie comunità cristiane, la proposta di quest’anno viene particolarmente modificata nel calendario e nelle modalità. Nel concreto vengono offerti due appuntamenti della durata di una giornata e comprensivi del pranzo, durante i quali, attraverso attività personali e coinvolgenti di preghiera, riflessione, condivisione e approfondimento i partecipanti hanno modo di ascoltare il proprio vissuto ma soprattutto la Parola di Dio che riconcilia con la fragilità dell’esistenza umana e offre luce e sostegno per il cammino della vita.


Entrambi gli incontri saranno guidati da Gabriella Tognon, consulente familiare, e don Giuseppe Toffanello, docente emerito di Teologia spirituale insieme ad alcuni collaboratori dell’Ufficio.

Gli incontri si svolgono di sabato presso la Casa diocesana di spiritualità “Villa Immacolata” in via Monte Rua 4 a Torreglia (Pd). Ciascun appuntamento viene realizzato con un minimo di 7 partecipanti e un massimo di 14. La partecipazione richiede l’iscrizione attraverso una mail alla segreteria dell’Ufficio diocesano di pastorale della famiglia (ufficiofamiglia@diocesipadova.it) e il versamento sul posto di un contributo 25,00 € necessario per l’utilizzo dei locali e il pranzo.

  • 4 marzo 2023, dalle ore 9.30 alle 17.00: “Come un labirinto. La ricerca di senso”.
  • 15 aprile 2023, dalle ore 9.30 alle 17.00: “ Io sono una missione”.